I mostri 2009

Ieri sono andata vedere Feisbum, l’atteso “instant-film su Facebook”.  È stata una delusione. Un equivoco in effetti: si e no un paio di episodi degli otto corti riguardavano Facebook e simili. Gli altri erano incentrati su tentativi (ovviamente non riusciti) di accalappiare via chat. Quindi qualcosa di più simile ai siti di “incontri” tipo Meetic.  Quindi oltre a ricordare ineluttabilmente C’è posta per te (il film, non la trasmissione!),  tre episodi avevano scene abbastanza simili in cui il protagonista si finge italo-straniero per darsi un fascino esotico e giustificare il loro parlare bene l’italiano, e inevitabilmente tre avevano scene in cui copiavano frasi da scrivere su libri…..  Cose assurde perchè la particolarità di Facebook è proprio  che la gente ci va con nome e cognome suoi e che parla non dei massimi sistemi ma delle quisquilie quotidiane.

Wired lo stronca facendo notare che è un pò la solita solfa che dicono quelli che non usano internet: che è un’illusione pericolosa tutto sesso e menzogne e che alla fine le cose migliori sono quelle reali.  Non ha tutti i torti, ma fra Indian dream (il peggiore episodio) e il mitico microcorto  splatter finale, qualcosa di buono c’è.

Il film si salva perchè alcuni personaggi sono fatti bene, alcune trovate non sono niente male, alcuni attori, meritano l’Oscar (do you know Andrea Sartoretti? neanch’io prima, e non è il solo da segnalare). Insomma si vedono un sacco di facce nuove o seminuove (Taricone, Caterina Guzzanti, Primo Reggiani, Cecilia Dazzi) e comunque il fatto che anche in Italia si tenti di fare del business cinematografico anche senza De Sica, mi pare molto buono. In fondo è un revival del vecchio film a episodi (come il mitico I mostri) e allo stesso tempo un modo per far arrivare al grande pubblico i famosi ‘corti’ di cui si sente tanto parlare. Poi se vogliamo proprio andare nel tecnico  le scenografie sono ottime, e c’è la particolarità che ogni corto sceglieva il suo modo di rendere a video le chat (farle vedere? come? farle dire? fino a che punto?).

Insomma se dovete vedere delle cretinate, almeno vedetevele italiane.  Ma solo nei giorni col biglietto ridotto.

1 commento

  1. Visto Feisbum!
    Ciao Maria!Sottoscrivo in pieno la tua recensione. Anch’io darei l’Oscar ad Andrea Sartoretti, già visto come Er Bufalo in Romanzo Criminale la serie andata in onda su sky, era uno dei protagonisti ed ho goduto della sua magistrale interpretazione! In Feisbum è sorprendente…..
    Temo che in Italia manchino soprattutto delle belle storie…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.